giovedì 10 novembre 2016

RECENSIONE • Io prima di te di Jojo Moyes (il libro e il film)

Buongiorno lettori, oggi splende il solo anche se l'aria frizzante inizia a pungere la pelle. Mi sono svegliata e quadrando il cielo terso ho deciso che era arrivato il momento di parlarvi di questo libro. Ho pensato, metabolizzato, capito. Si è parlato molto di Io prima di te di Jojo Moyes, soprattutto negli ultimi mesi da quando è uscito il film nelle sale cinematografiche. Non parlo spesso di libri "famosi" di cui tutti hanno già detto qualcosa ma credo che questo libro sia uno di quelli che deve per forza essere letto e avevo bisogno di dire anche la mia, anche ribadendo parole di altri. Una sera d'estate a casa di V. una mia cara amica l'ho visto sbirciando nella sua libreria e quando mi ha proposto di leggerlo non so saputo dire di no! (quindi grazie V. è ancora tutto intero non ti preoccupare ❤ )


Io prima di te
di Jojo Moyes

A ventisei anni, Louisa Clark sa tante cose. Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell'autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa, e probabilmente, nel profondo del suo cuore, sa anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tutte le sue certezze saranno messe in discussione. A trentacinque anni, Will Traynor sa che il terribile incidente di cui è rimasto vittima gli ha tolto la voglia di vivere. Sa che niente può più essere come prima, e sa esattamente come porre fine a questa sofferenza. Quello che invece ignora è che Lou sta per irrompere prepotentemente nella sua vita portando con sé un'esplosione di giovinezza, stravaganza e abiti variopinti. E nessuno dei due sa che sta per cambiare l'altro per sempre. "Io prima di te" è la storia di un incontro. L'incontro fra una ragazza che ha scelto di vivere in un mondo piccolo, sicuro, senza sorprese e senza rischi, e un uomo che ha conosciuto il successo, la ricchezza e la felicità, e all'improvviso li ha visti dissolversi, ritrovandosi inchiodato su una sedia a rotelle. Due persone profondamente diverse, che imparano a conoscersi senza però rinunciare a se stesse, insegnando l'una all'altra a mettersi in gioco.

Ho sempre pensato che le persone si completino, o meglio, le persone si conoscono ed imparano a conoscere se stesse solo quando stanno insieme, si confrontano. Ognuno ha qualcosa da insegnare all'altro così come succede a Lou e Will ed il titolo di questo libro racchiude perfettamente il concetto "io prima di te" due persone che prima di conoscersi erano diverse e poi passo dopo passo si sono capite a fondo ma senza cambiare. Si sono completate. 

Qui sentivo il rumore dei pensieri. Riuscivo quasi a udire i battiti del mio cuore. Con mia sorpresa mi accorsi che mi piaceva parecchio.
Non è solo l'amore a riempire le pagine ma bensì il senso di vita che ne traspare. Lou imparerà ad amare la musica classica, guarderà i film con i sottotitoli, allargherà i propri orizzonti al di fuori di quel piccolo paese ed inizierà a pensare a cosa vuole veramente per il suo futuro, pensare a se stessa finalmente. E tutto questo lo farà grazie a Will, stando accanto a lui che a sua volta uscirà da quelle mura che lo rinchiudono seduto su una sedia a rotelle, respirerà l'aria fresca con una semplice passeggiata nella natura, uscirà con una bella ragazza, andrà ad un concerto, ad un matrimonio superando il rancore e le facce impietosite degli altri tornerà a sorridere. Tutto questo grazie a Lou. Insieme impareranno a vivere. Piccoli gesti ma che diventano grandi nel momento in cui ci accorgiamo che con l'aiuto di una persona possiamo vedere la nostra vita con occhi diversi.


Lou. Non mi ero mai resa conto che la musica avesse il potere di liberare quello che tenevi imprigionato dentro di te, trasportandoti in luoghi che nemmeno il compositore aveva immaginato. Lasciava un'impronta nell'aria intorno a te, come se andandotene ti portassi via le sue tracce.


Will. "Non voglio rientrare. Voglio soltanto rimanere un po' qui e non dover pensare a..." Degluti. Perfino nella penombra sembrava tutto faticoso. "Semplicemente...desidero essere un uomo che è stato a un concerto con una ragazza con un abito rosso. Solo per qualche istante ancora"


I temi toccati sono diversi e molto difficili come i problemi familiari, le relazioni, il lavoro precario, la disabilità ma il tutto è stato trattata con una certa sensibilità senza però allontanarsi dal realismo; punto forte è l'ironia che si trova spesso tra le righe per sdrammatizzare il tutto. L'autrice ha fatto un lavoro perfetto, i personaggi non sono convenzionali come Louisa ad esempio non è la solita semplice e timida ragazza ma è stravagante, chiacchierona. Mi è piaciuto lo stile di scrittura della Moyes di cui non avevo mai letto nulla prima d'ora, mi sono innamorata, mi sono emozionata, ho pianto e mi sono arrabbiata. Ho chiuso il libro tra le lacrime e non ho fatto altro che pensare. Mi sono trovata davanti a dei personaggi veri, alla vita reale che ti sconvolge e spesso abbiamo bisogno anche di queste storie perchè le favole non ci bastano più per guardare in faccia la vita di tutti i giorni. Questa è una di quelle storie che ti entra dentro e ti lascia senza fiato, una di quelle storie che vorresti fermare e cambiare completamente ma poi capisci che è perfetto così e non potrebbe essere altrimenti. Chi siamo noi per giudicare le scelte di una persona, magari vorremmo che le cose andassero in modo diverso possiamo aiutare a prendere la vita in modo differente ma ognuno alla fine può solo decidere per se stesso e accettare perchè a volte l'amore non basta. Un libro che penso rileggerò più volte nella mia vita. Ve lo consiglio.

Ci sono ore normali, e poi ci sono ore invalide, durante le quali il tempo si ferma e scivola via, in cui la vita - la vita reale - sembra scorrere su un binario parallelo. 




Appena uscito il film non ho potuto fare altro che andare a vederlo con le mie compagne di viaggio (Dani,Noe,Ari). Avendo visto il trailer avevo grandi aspettative e così è stato. Ho adorato il film perchè riporta esattamente ciò che è il libro, la veridicità dei personaggi con il loro carattere, le ambientazioni, i colori, i protagonisti tutto come me lo ero immaginato. E' stato perfetto e mi ha fatta emozionare. Mi sono mancate però alcune scene che mi sarebbe piaciuto vedere trasportate sulla pellicola perchè le ritenevo importanti come ad esempio il tatuaggio, il passato di Lou ed il labirinto, alcuni aspetti della famiglia di Will, la sorella. Ma posso capire che la scelta sia dovuta dal fatto che bisognava fare dei tagli e che comunque anche chi non ha letto il libro ha capito perfettamente la storia ed i punti salienti. Ho trovato un po' esagerate invece le espressioni dell'attrice che interpreta Louisa: Emilia Clarke, perchè molto spesso distraggono dalla scena drammatica. A parte questo mi sono emozionata, ed anche qui ho pianto, un film che consiglio sopratutto per chi ha letto il libro, a fine serata tutti siamo usciti dalla sala inevitabilmente con gli occhi lucidi. 

Non so fare recensioni dei film ma se vi piace l'idea posso compararli al libro e dirvi la mia semplice opinione, che ne dite?






6 commenti:

  1. Risposte
    1. Veramente! ❤ non sono ancora pronta per il seguito!

      Elimina
  2. Ciaooo!!
    Io ho sicuramente preferito il libro al film.
    Comunque non è andato molto fuori libro, anzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film è stato in linea con il libro, l'ho adorato ma preferisco comunque il libro :)

      Elimina
  3. Ciao Sere ❤️ Sai che non l'ho letto? Fa parte di quei libri indubbiamente belli, ma incredibilmente tristi
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virgi bella ❤️ Sai, ero molto indecisa sul leggerlo ma poi mi sono lasciata contagiare e ne sono contenta!
      Baciii

      Elimina

I tuoi commenti alimentano il mio blog! Sarò felice e curiosa di risponderti!