martedì 5 maggio 2020

ANGOLO AUTORE - Agatha Christie

Buongiorno lettori, oggi vorrei introdurre questa nuova rubrica con una delle ultime autrici che ho letto. Si tratta di Agatha Christie, vi parlerò di lei ma vi racconterò anche dei piccoli dettagli curiosi che forse non conoscevate ancora...


Dame Agatha Mary Clarissa Mille, nasce nel Regno Unito a Torquay, il 15 settembre 1890, era una timida bambina che per i primi anni d'istruzione non andò a scuola ma ebbe, grazie a sua madre, un'educazione domestica. Agatha era molto curiosa, imparò presto a leggere, si appassionò alla musica ed imparò a suonare il mandolino, il suo sogno nel cassetto infatti era quello di diventare una cantante lirica. A causa della sua patologica timidezza però bloccò questo sogno, tuttavia quel cassetto è stato poi riempito di manoscritti che hanno fatto la storia del giallo! 


La celebre romanziera era famosa anche per un'altra delle sue passioni, trattasi niente meno che del....SURF! Ebbene Sì, appena poteva, cavalcava l’onda e non solo quella del successo bensì, letteralmente, i cavalloni. Si è spinta fino in Sud Africa e addirittura ad Honolulu. Chi l’avrebbe mai detto? Nemmeno Poirot, anche se sembra prevedere sempre tutto…
Non ci credete?? Eccola qui!

È successo qualcosa di oscuro nella vita stessa di Agatha Christie, qualcosa di molto simile alla trama di un suo giallo. Ad un certo punto infatti, la scrittrice scomparve: nessuno sapeva dove fosse finita. Dopo dieci giorni venne ritrovata nel Nord dell’Inghilterra, in una località termale: aveva preso una stanza registrandosi con il nome dell’amante di suo marito, che l’aveva appena abbandonata. Qualcuno ha ipotizzato che la sparizione fosse parte di un piano per far sì che il marito venisse accusato di omicidio e occultamento di cadavere, altri per una trovata pubblicitaria, altri ancora per una specie di amnesia che le era stata diagnosticata.

Ma torniamo alla sua timidezza, per farvi capire quanto fosse tale basti pensare ad un episiodo successo nell’aprile del 1958. Il produttore della commedia La trappola per topi, tratta dal romanzo breve di Agatha Christie Tre topolini ciechi (1948) decise di celebrare lo straordinario successo con una grande festa in onore della scrittrice. Lei indossò il suo abito più bello, di chiffon verde bottiglia e guanti bianchi lunghi fino al gomito. Stava per entrare nella sala del Savoy Hotel, ma il portiere non la riconobbe e le rifiutò l’accesso. Invece di dire “Lei non sa chi sono io”, la scrittrice venne paralizzata dall’imbarazzo e dalla timidezza e si allontanò docilmente.

Il nome di Mary Westmacott vi dice qualcosa? Forse non lo sapete, ma Agatha Christie, ha deciso di cambiare nome quando ha abbandonato il genere che l’ha resa famosa..Nascosta sotto questo pseudonimo scrisse altri sei libri divertenti e d’amore. Agatha Christie morì per cause naturali nella sua Winterbrook House il 12 gennaio 1976 all'età di 85 anni.

Stiamo parlando di una donna stravagante e anticonformista che scrisse circa due libri all’anno per cinquantacinque anni, un patrimonio di 80 romanzi e racconti, 19 opere teatrali e quasi 40 film per la televisione e non smette ancora di avere nuovi lettori!

Ho lettto solo tre romanzi di questa formidabile autrice (Dieci Piccoli Indiani, Assassinio sull'Orient Express, Se morisse mio marito) ma penso che non mi fermerò qui! E voi quali libri avete letto e quali sono i vostri preferiti? Conoscevate queste piccole curiosità sulla Christie o ne avete altre da raccontarmi?  Sono molto curiosa!

A Presto.
Serena.






venerdì 1 maggio 2020

I libri non mi bastano mai! - KINDLE UNLIMITED

Buongiorno lettori, quanti di voi hanno approfittato di questo periodo di quarantena, per dedicarsi alla lettura? C'è chi (come me) soffre di acquisto compulsivo di libri e quindi ne ha sempre una scorta pronta, ma c'è anche chi riesce a finirli tutti, ritrovandosi senza più niente da leggere... una soluzione potrebbe essere Kindle Unlimited! Ovviamente, vista la quantità di libri presenti, non potevo lasciarmi sfuggire di testare con la prova gratuita di questo servizio! Ora vi spiego bene di cosa si tratta...


Cos'è Kindle Unlimited?

Kindle Unlimited è un servizio che consente di leggere illimitatamente da qualsiasi dispositivo, scegliendo tra più di 1 milione di titoli. Scopri gratuitamente nuovi autori, libri e generi: gialli, romanzi, fantascienza e molto ancora ancora. Puoi leggere su qualsiasi dispositivo. Il servizio è gratuito per i primi 30 giorni. Al termine del periodo di uso gratuito, l’abbonamento prosegue a €9,99 al mese. L’iscrizione può essere annullata in qualsiasi momento.

I vantaggi esclusivi di Kindle Unlimited includono:

- Accesso illimitato a oltre 1 milione di eBook
- Massima flessibilità di lettura, ovunque e su qualsiasi dispositivo, grazie all'app Kindle gratuita






Per gli amanti della MUSICA invece potete provare AMAZON MUSIC con 3 mesi d'uso gratuito!





sabato 25 gennaio 2020

SEGNALAZIONE ● Home sweet Home di Luca Guidara


Buonasera lettori, oggi vi voglio consigliare una nuova uscita per tutti gli amanti della casa ed in particolare di ordine e pulizia. Luca Guidare è un ragazzo che seguo sul suo profilo instagram, molto simpatico e attento alla casa, adoro seguire i suoi piccoli consigli e segreti per avere sempre tutto in ordine!

Home sweet Home
di Luca Guidara

Copertina flessibile: 244 pagine
Editore: De Agostini (28 gennaio 2020)


Ordine e pulizia fanno bene alla casa, ma anche allo spirito. Il Coach dell’Ordine apre le porte di casa sua per raccontarci, stanza per stanza, i segreti per poter vivere anche noi in una “home sweet home”.


Chi l’ha detto che fare le pulizie e riordinare siano solo un “male necessario”? Luca Guidara, coach dell’ordine e del pulito su Instagram, dimostra che prenderci cura della nostra casa può essere piacevole, gratificante e sorprendentemente rilassante.


Luca ci accoglie a casa sua e ci accompagna in un tour ideale in cui, stanza per stanza, ci spiega come trasformare in meglio il nostro ambiente e quindi la nostra vita, perché vivere nel fresco, nel bello e nel pulito fa sentire bene e dà serenità mentale. Questo obiettivo è alla portata anche di chi non ha la stessa predisposizione naturale all’ordine di Luca: in questo manuale pratico e smart troveremo tanti consigli su come ottenere i risultati desiderati, sui prodotti da usare, sui metodi per evitare gli sprechi, su come suddividere i compiti in famiglia (o tra coinquilini)… Perché tutte le faccende domestiche, con la giusta dose di organizzazione e qualche piccolo trucco, possono essere ottimizzate. E sentirsi davvero “a casa” nel nostro ambiente è una sensazione che non ha prezzo.


In fondo, la nostra casa ci rappresenta e ci racconta, e averne cura è un modo per prenderci cura di noi stessi e delle persone a cui teniamo: un atto d’amore, insomma. E se noi amiamo la nostra casa, anche lei amerà noi.


Per avere una casa sempre in ordine basta davvero poco, ve lo garantisco. Ci sono piccoli gesti che ci aiutano e che, se inseriti nella routine quotidiana, quasi non pesano. E vivere in una casa pulita e ordinata semplifica la vita e aiuta a stare bene. Pronti a fare ordine insieme?



giovedì 19 dicembre 2019

SEGNALAZIONE Il fetore dei soldi di Roberto Robert


Buon pomeriggio lettori! In questi giorni vorrei condividere con voi quelli che sono i miei ultimi arrivi in libreria, alcuni già iniziati altri ancora in attesa...Presto arriveranno tutte le recensioni ma nel frattempo ci tengo a consigliarveli e farveli conoscere, potrebbero essere delle belle idee regalo, tutti di genere diverso che si adattano alle varie personalità di amici e parenti.. Inizio subito con il primo libro, si tratta di un Noir edito Silele Edizioni per la collana Inside Yellow: Il Fetore dei Soldi di Roberto Robert. Ambientato nella mia città, Bergamo, con alcune venature storiche e saggistiche, ci inoltriamo nella storia di Diana, Dragomira e tutti i retroscena che nasconde una banca...

Siamo in guerra Vincenzo, una guerra contro tutti. Io comunque non dico che in battaglia occorra solamente il cannone, c'è un tempo per le armi e un tempo per la diplomazia. Mi auguro che quando verrà il tuo, di tempo, se lo vorrai, ci sia spazio anche per altri strumenti più pacifici di quelli odierni.


Autore: ROBERTO ROBERT
Collana: Inside Yellow
Genere: Noir
ISBN: 978-88-3348-061-9
PREZZO: 18,00€ Link Amazon
PAGINE: 486

Diana Egli, giovane dirigente del Banco Popolare Brembano, ha davanti a sé un compito assai difficile: salvare dal fallimento la banca fondata dai suoi antenati svizzeri alla fine dell’Ottocento, consentendo così alla famiglia di mantenerne il controllo malgrado i crescenti sotterfugi architettati da storici rivali. Dragomira Munteanu, giovane donna proveniente dall’Europa dell’Est giunta clandestinamente a Bergamo, deve realizzare un’impresa al limite del possibile: non farsi ammazzare, sfuggire ai fantasmi del proprio passato e infine portare a termine la sua spietata vendetta. Due donne collocate alle opposte estremità della scala sociale che combattono con tutte le loro forze contro nemici sempre più agguerriti, finché all’improvviso le loro strade e le loro vite si incroceranno obbligandole a compiere scelte drammatiche. Una vicenda dell’Italia di oggi, che ha per sfondo una città da sempre dedita al lavoro. Sotto questa irreprensibile immagine si rivela però l’autentico obiettivo di molti tra i personaggi del romanzo, che all’interno delle pagine popolano un oscuro sottobosco: arricchirsi a dismisura senza alcun rispetto delle regole.

lunedì 12 agosto 2019

Un arcobaleno di libri 🌈

Buongiorno lettori...oggi voglio raccontarvi una bellissima storia! Non so se ve l'ho mai detto ma lavoro in un parco divertimenti dedicato ai bambini, un posto magico agli occhi di grandi e piccini...proprio qui in una di queste torride mattine estive, un ospite, mi consegna un libro che aveva trovato sulla seduta della mia attrazione..provo a chiedere agli ultimi bambini che si stavano allontanando, ma nulla sembrava non appartenere a nessuno. L'ho tenuto con me tutto il giorno in attesa che qualcuno venisse a reclamarlo, quando incuriosita non ho potuto fare a meno di sfogliarlo, sembrava un semplicissimo e colorato libretto per bambini, tre simpatici racconti, draghi, Re, regni lontani..All'interno della copertina però spiccava un adesivo che diceva "Ciao! Siamo Irene e Sara. Io, Irene, ho 6 anni e ho gli occhi azzurri. Sara è la mia sorellina, aveva 2 anni ma è volata in cielo. Ci piacciono tanto le storie, vogliamo che questi libri girino nei paesi e nelle città per far sorridere altri bambini. Se ti piace puoi prenderne uno, leggerlo e lasciarlo dove vuoi.




Ho preso questo libretto e l'ho riposto proprio dove l'avevano trovato, per far sorridere Irene, Sara e quel bambino che poi se ne è andato tutto contento con il libro tra le mani. Ci tenevo tanto a farvi conoscere questa storia perché la trovo un'iniziativa stupenda che mi ha toccata il cuore! Un modo bellissimo per diffondere la gioia e l'amore che la piccola Sara sapeva emanare a chi le stava intorno con il desiderio di vedere bambini felici che leggono storie in tutto il mondo.

Questo progetto, oltre a rappresentare un piccolo grande ricordo di Sara, mira a promuovere gratuità e cultura verso gli altri,fiducia nell’incontro e nelle relazioni umane, cura della propria comunità, attenzione per le storie delle persone e dei libri.


Se volete conoscere qualcosa di più sulla loro storia vi lascio qui sotto tutti i loro contatti, potete anche partecipare al loro progetto gratuitamente!


martedì 30 luglio 2019

SEGNALAZIONE ० Bosco Bianco di Diego Galdino


Buonasera lettori, oggi torno a parlarvi di un bravissimo scrittore, che ho consocito tramite il libro "Il primo caffè del mattino" (Trovate la recensione QUI)  come avrete capito si tratta di Diego Galdino che presenta il suo nuovo romanzo “Bosco Bianco”

E’ uno degli autori italiani maggiormente pubblicati all’estero. I suoi romanzi sono diventati dei veri best sellers. Lui è Diego Galdino il famoso scrittore-barista romano che torna con una storia d’amore bellissima “Bosco Bianco”.


TRAMA: Nel suo testamento, la signora Chiara Pizzi lascia in eredità Bosco Bianco, una bellissima e storica tenuta affacciata sulla costiera amalfitana, a suo nipote Samuele Milleri, figlio di sua sorella e alla signorina Maia Antonini, figlia della sua più cara amica d’infanzia. Si racconta che a Bosco Bianco sia nascosto il diario segreto del leggendario scrittore americano Albert Grant. Proprio per questo motivo Andrea Razzi, ricco uomo d’affari, con velleità politiche, vuole entrarne in possesso a qualsiasi posto, tanto da acquistare da Samuele Milleri la sua metà di Bosco Bianco appena ereditata, approfittando dei suoi gravi problemi finanziari, per poi obbligare Giorgio Betti, il suo migliore e fascinoso agente immobiliare, a fingersi il nipote della vecchia proprietaria per cercare di convincere Maia Antonini a vendergli la sua parte della tenuta, anche a costo di farla innamorare. Ma vivere a Bosco Bianco, seppur per pochissimo tempo, può ambiare il destino delle persone. Lo sapeva bene lo scrittore americano Albert Grant, che aveva fatto dell’amore la sua ragione di vita perché come era scritto alla fine del suo libro più famoso…“Per perdersi non serve un posto, basta una persona”


L'AUTORE: Diego Galdino (classe 1971) vive a Roma e ogni mattina si alza mentre la città ancora dorme, per aprire il suo Bar dove tutti i giorni saluta i clienti con i caffè più fantasiosi della città.

Con Sperling&Kupfer ha pubblicato il suo romanzo d’esordio Il primo caffè del mattino (di cui sono stati venduti anche i diritti cinematografici) Mi arrivi come da un sogno, Vorrei che l’amore avesse i tuoi occhi, Ti vedo per la prima volta e L’ultimo caffè della sera. Autore di successo internazionale è tradotto nei paesi di lingua tedesca, in Polonia, Bulgaria, Serbia e nei paesi di lingua spagnola. Bosco Bianco è l’attesissimo romanzo che viene autopubblicato per una scelta di cuore. Un bellissimo atto d’amore e riconoscenza verso i tanti lettori che da sempre lo stimano.

- Perché uno scrittore come Diego Galdino decide di autopubblicarsi ?

Nella scrittura, così come nella vita, si deve essere coraggiosi. Voglio essere una voce per i giovani talenti della scrittura, soprattutto per coloro che decidono di affidarsi al self publishing. Ricevere un NO non significa doversi fermare o abbattere. Ci sono infinite strade percorribili. Non bisogna mai permettere a nessuno di decidere per i nostri sogni, perché finché scrivi qualcuno ti potrà leggere, ma se smetti di scrivere è sicuro che non ti leggerà nessuno.

- In quale momento della sua vita inizia a scrivere Bosco Bianco ?

Ho deciso di scrivere Bosco Bianco in un momento in cui avevo paura, dopo il divorzio, di perdere le mie figlie. Per raccontare un amore senza pregiudizi, senza stare lì a pensare se sia giusto o sbagliato amare, ma lasciandosi guidare solo dal proprio cuore.





sabato 4 maggio 2019

VIAGGIO NELLE LIBRERIE ⎈ Atlantis Books - Santorini, Grecia




Una città senza libreria e' un luogo senza cuore

Proprio così, come vi dicevo poco tempo fa su un post su Instagram, uno dei tanti pregi  della lettura è il fatto che in tutto il mondo si scrivano libri. Proprio per questo è meraviglioso viaggiare e scoprire bellissime librerie e biblioteche situate in ogni angolo del mondo! In questa rubrica totalmente nuova che vorrei inserire sul blog, vi voglio raccontare e far conoscere le varie librerie con le loro caratteristiche e particolarità, che ho avuto il piacere di visitare durante i miei viaggi e soggiorni! Mi aspetto quindi da voi tantissimi consigli da darmi per arricchire questa rubrica, posti che avete visto di persona o anche solo per conoscenza...sono disposta ad andare in avanscoperta e ho già la valigia pronta (da riempire di libri ovviamente! ;)



Ma...INIZIAMO SUBITO. Voglio aprire le danze con una libreria che ho visitato durante il mio ultimo viaggio in Grecia lo scorso settembre. Sto parlando di Atlantis Books, libreria indipendente locata nel cuore della via principale di Oia, con vista sulla Caldera di Santorini, una delle più caratteristiche città della Grecia.






La libreria è davvero particolare e accogliente anche se piccolina, sono rimasta subito colpita dall'ingresso: una scala dipinta di blu che scende verso la porta tutta decorata. Ma la magia non è finita, subito ci si immerge in uno spazio colorato con frasi e aforismi che ti circondano e ti abbracciano. Spazi ben suddivisi per genere e lingua indicati da bellissime targhette in legno scritte a mano, soppalchi, bellissimi disegni sui muri tra cui la timeline della nascita della libreria. Scale a pioli che sorreggono i libri che non ho potuto fare a meno di toccare (e far cadere tutti...devo sempre farmi riconoscere!) E poi ancora frasi ironiche, edizioni bellissime di cui mi sono innamorata e una terrazza che toglie il fiato con lucine e divanetti tutto in stile vintage. Insomma una libreria che esce da un sogno, da perderci ore e ore, una libreria che, se vi trovate da quelle parti, dovete assolutamente visitare! 

Qui potete trovare libri nuovi e usati, rare edizioni, testi di letteratura inglese, francese, italiana (un cartello spiega come mai i prezzi dei libri della sezione italiana sono un po' più alti del normale mannaggia!), poi libri in spagnolo, tedesco, cinese e ovviamente in greco. All'interno troverete anche dolci cani, un gattone (che purtroppo non ho avuto la fortuna di incontrare) e delle splendide stampe di loro produzione tra cui la borsa con il logo di "Atlantis Books"a 8€ (acquistabile solo in loco non è disponibile sullo shop del sito.)


Mi sono documentata un po' ed ho scoperto che non si tratta di una libreria storica, ma è nata solamente nel 2004 grazie a Oliver e Craig, due ragazzi Inglesi, che dopo una vacanza sull'isola si sono accorti di una notevole mancanza in questa splendida cittadina...una libreria! Dopo qualche anno sono finalmente riusciti a realizzare il loro sogno con l'obiettivo di portare arte, letteratura e motivo di conversazione in uno degli ambienti più belli del mediterraneo! 


CLICCA QUI PER VEDERE IL SITO ATLANTIS BOOKS






sabato 27 aprile 2019

COVER REVEAL 🔼 La principessa dei mondi - La Terra di Monica Brizzi



Buonasera lettori, torno ad ospitare qui sul blog un'autrice che mi sta molto a cuore...Sto parlando di Monica Brizzi ma questa volta e' tornata con un genere diverso dal solito, con questo nuovo romanzo Monica si affaccia al distopico, una trilogia che sono davvero curiosissima di conoscere. Uscirà' il prossimo 10 Maggio ma oggi scopriremo insieme la cover di questo primo volume che...mi fa davvero impazzire! Siete pronti??


mercoledì 3 aprile 2019

SPECIAL EVENT - Premio Narrativa Bergamo

Buonasera lettori, come ogni anni ho tentato la fortuna candidandomi per la Giuria del Premio Narrativa Bergamo, la mia città...e finalmente sono stata estratta! Per chi ancora non lo conoscesse si tratta di un Evento Letterario che rappresenta per Bergamo un contributo molto importante per quanto riguarda il panorama culturale della nostra città.

Vengono scelte 5 opere finaliste, gli scrittori poi presentano i loro libri in incontri pubblici presso la splendida Biblioteca Tiraboschi di Bergamo, con il coordinamento della dr.ssa Adriana Lorenzi, scrittrice e docente di Scienze della Formazione a Bologna. Ho avuto quindi il piacere di ricevere questi 5 libri finalisti (tra cui ho già un mio preferito, ma ve lo rivelerò più avanti) ciò a cui tengo ora però è mostrarveli in attesa della 60° Fiera dei Librai e di conseguenza del nome del vincitore che sarà svelato sabato 27 aprile all'Auditorium di Piazza Libertà di Bergamo!



I vivi e i morti 
di Andrea Gentile

Minimum Fax
Link Amazon

A Masserie di Cristo, lungo le pendici del Monte Capraro, nel cuore di un Sud viscerale, fantasmagorico e magico, i vivi e i morti s'incontrano, talvolta senza riconoscersi. E non sono né vivi né morti. In questo luogo inesistente e remoto, la giovane Assuntina è scomparsa, e tutto il villaggio non si dà pace. Tebaldo costringe la piccola figlia Italia a ucciderlo, e la madre la punisce rinchiudendola in una cantina. In un infernale carcere sotterraneo un Custode meticoloso e malinconico assegna punizioni terribili a rei e innocenti e scrive lettere amareggiate a se stesso, mentre la guerra fra le fazioni del paese disarticola l'ordine già precario del mondo. Il tempo ricomincerà ancora una volta - ma si tratta di Genesi o Apocalisse? - e un Noi collettivo, transitorio e ipnotico, potrà narrare finalmente la follia degli uomini. Esiste solo il movimento infinito, il racconto che si racconta sempre di nuovo, per i vivi e per i morti. In questa storia ogni luce danza con le ombre, ogni spiegazione semplice e razionale dei fatti precipita in uno strapiombo di colpe oscure e inconfessabili che ci interrogano profondamente e ci scherniscono. Con una scrittura visionaria e sapienziale, Andrea Gentile incanta, stupisce e scuote il lettore e, con sicurezza di sciamano, disgregando lo spazio-tempo narrativo, sposta il confine di quello che è possibile fare con la forma romanzo.


La lettrice di Cechov
di Giulia Corsalini

Edizioni Nottetempo

Nina ha quarant'anni e una figlia, è ucraina, ha studiato ma non ha soldi per mantenere la famiglia. Deve abbandonare il suo paese e il marito malato. Cosa può fare in Italia se non i lavori domestici? Ma Nina è anche una lettrice appassionata, e nel tempo libero frequenta la biblioteca dell'università della cittadina in cui si è trasferita. Una piccola svolta del destino, ed eccole aprirsi una possibilità insperata: collaborare col carismatico professore che dirige l'Istituto di Slavistica. Ma quale futuro le si offre? Ripartire, rimanere, recuperare un rapporto con la figlia, chiarire la sua relazione col professor Giulio De Felice, pensare prima agli altri o a sé? Alternative importanti in un'esistenza minima come quella di noi tutti, scelte che possono costare tutto quello che ha da dare: felicità, senso di sé, l'amore degli altri, l'amore per se stessa. Con passo discretamente cechoviano, Corsalini mette in scena una storia esemplare, un teatro privato fatto di passioni silenziose, di coraggio senza testimoni, dello stoicismo e della dignità senza pretese degli uomini e soprattutto delle donne che ogni giorno mandano avanti il mondo.


Cosa diremo agli angeli
di Franco Stelzer

Einaudi

Per lui, che lavora come addetto ai controlli di un aeroporto, il mondo è fatto delle vite che gli corrono sotto gli occhi. Vite immaginate. E immaginate con tale furia da diventare racconto. C'è un uomo, in particolare, che arriva ogni domenica e riparte ogni venerdì: «Magro, lo sguardo aperto. Sembra una di quelle persone nate per rendere gli altri contenti». Quell'uomo resterà al centro della narrazione fino alla fine. E la sua scomparsa - quando, una domenica come tutte le altre, non si farà più vedere - genererà un altro racconto ancora, in un continuo gioco di specchi. Perché tutte le vicende umane sembrano essere sotto gli occhi di angeli un po' partecipi e un po' lontani: «Sono così, gli angeli. Si danno il piglio degli esseri perfetti. Fanno un po' di scena, ma darebbero chissà cosa per potersi mescolare, per entrare nelle nostre piccole cose grigie. Faticano a staccarsi da noi». Con un passo poetico e un'attenzione al dettaglio corporeo colto da pupille sgranate, la voce di questo romanzo dice tutta la forza delle nostre vite difettose. Perché coglie la vita proprio come si coglie un fiore selvatico, piano, guardandolo in ogni sua più piccola parte.



Ipotesi di una sconfitta
di Giorgio Falco

Einaudi
Link Amazon
Da bambino Giorgio Falco amava la divisa da autista degli autobus, che il padre indossava ogni giorno per andare al lavoro, tanto che a Carnevale voleva vestirsi come lui, anziché da Zorro, chissà se per emularlo o demolirlo. Questo romanzo autobiografico non può che cominciare così, con la storia del padre: solo raccontando l'epopea novecentesca del lavoro come elevazione sociale, come salvezza, Falco ne può testimoniare il graduale disfacimento, attraverso le proprie innumerevoli esperienze professionali, cominciate durante il liceo per pagarsi una vacanza mai fatta. Operaio stagionale in una fabbrica di spinette che raffigurano cantanti pop, il papa e Gesù, per 5 lire al pezzo. Venditore della scopa di saggina nera jugoslava, mentre in Jugoslavia imperversava la guerra. Aspirante imprenditore di un'agenzia che organizza «eventi deprimenti per le élite». Redattore di finte lettere di risposta ai reclami dei clienti. Una lunga catena di lavori iniziati e persi, che lo conduce alla scelta radicale di mantenersi con le scommesse sportive. È la fine, o solo l'inizio. Perché questa è anche la storia - intima, chirurgica, persino comica - di un lento apprendistato per diventare scrittore. E di come possa vivere un uomo incapace di adattarsi.



Le vite potenziali
di Francesco Targhetta

Mondadori
Link Amazon


Al centro di questo romanzo ci sono tre vite, tre visioni del mondo, tre modi diversi e complementari di sopravvivere alla contemporaneità. Il loro spazio è la Albecom, azienda informatica che sorge alla periferia di Marghera; l'ha fondata, ancora giovanissimo, Alberto, "trentaquattro anni, apprezzata abilità nell'assemblare mobili Ikea, una passione per la buona tavola e il culto della chiarezza". Tra i programmatori che lavorano per lui c'è Luciano, con cui Alberto condivide l'amore per internet fin dai tempi del liceo. Ma, a differenza dell'amico, Luciano si trova a suo agio dietro le quinte: schivo e paralizzato dalla propria scarsa avvenenza, si rifugia nel lavoro e nel rifocillamento dei gatti randagi di Marghera, tormentato solo, di tanto in tanto, dal desiderio di avere qualcuno da rendere felice. A completare il triangolo c'è Giorgio, il pre-sales dell'azienda, procacciatore di nuovi clienti: "percorso da un brivido di elettricità sempre", tiene nel cruscotto della macchina "L'arte della guerra" di Sun Tzu, che consulta come un oracolo. E così, mentre Luciano allaccia con Matilde, barista della tavola calda di fronte alla Albecom, un'amicizia presto caricata di nuove speranze e Giorgio riceve una proposta sottobanco da un vecchio collega, le giornate dei tre amici si intrecciano in un groviglio di segreti e tradimenti che si dipana tra la provincia veneta e le città di mezza Europa e che li costringerà, infine, a compiere scelte sofferte e decisive.

Come vi dicevo mi sono già fatta un'idea del mio preferito ma sto ancora ultimando le mie letture, dovrò affrettarmi perchè a breve ci sarà la consegna dei nostri giudizi! E voi conoscete questi autori con le loro opere? Che ne pensate? Lasciatemi il vostro commento qui sotto, sono molto curiosa!